Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • Rss Feed
Cerca nel sito

DIRETTORE
ELENA FIORE

COMITATO DI REDAZIONE
Sergio Bedessi, Alberto Gardina, Maurizio Marchi

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

Inserito: 14/05/2018 Letto: 111 volta/e

Condividi su Linkedin

Img

Incidente stradale e reato di fuga

Cassazione penale, sentenza 27/4/2018, n. 18406: condannato l’automobilista che si ferma sul luogo del sinistro solo per alcuni minuti e omette di fornire le proprie generalità

Il fatto. A seguito di un tamponamento stradale, l’automobilista veniva riconosciuto responsabile per il reato di fuga (art. 189, comma 6, C.d.S.), mentre veniva assolto dall’accusa di omissione di soccorso (art. 189, comma 7, C.d.S.).

La Suprema Corte conferma la sentenza impugnata che correttamente ha riscontrato la sussistenza del reato di fuga essendosi il ricorrente fermato sul luogo del sinistro solo per alcuni minuti ed avendo omesso di fornire le proprie generalità.

Il dovere del conducente di fermarsi sul luogo dell’incidente ha una durata che si estende per tutto il tempo necessario all’espletamento delle prime indagini finalizzate all’identificazione del conducente stesso e del veicolo condotto, in coerenza con la ratio della norma di cui all’art. 189 C.d.S..

Consulta la sentenza n. 18406/2018, Cassazione penale

 


Previous Next
Previous Next