Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • Rss Feed
Cerca nel sito

DIRETTORE
ELENA FIORE

COMITATO DI REDAZIONE
Sergio Bedessi, Alberto Gardina, Maurizio Marchi

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

Inserito: 17/07/2017 Letto: 167 volta/e

Condividi su Linkedin

Img

Un segnale di limite di velocità in un senso di marcia comporta il medesimo limite anche per il senso di marcia opposto?

Corte di Cassazione, ordinanza n. 17205/2017: nell’affrontare il caso di un sinistro mortale, per il quale i convenuti chiedono risarcimento all’altra parte, i giudici affrontano una tematica relativa alla segnaletica stradale

La questione posta ai giudici, in sostanza, è questa: la presenza di un segnale di limite di velocità in un senso di marcia su una strada a doppio senso, comporta che il limite operi anche nell'altra direzione?

No, secondo la corte, che ricorda che il segnale stradale è un dispositivo atto a indicare una prescrizione, un avvertimento o una indicazione a tutti veicoli circolanti e ad ogni altro utente della strada. È insomma il linguaggio con il quale l'amministratore di una strada comunica agli utenti la disciplina della circolazione: regole, pericoli, indicazioni, limiti. Tali segnali operano come un provvedimento amministrativo espresso. E tali comandi espressi dalla p.a. operano solo per chi nella condotta di guida lo percepisce e, dunque, nel senso della sua marcia.

Consulta l’ordinanza della Corte di Cassazione n. 17205/2017

 

Lascia il tuo commento





Previous Next
Previous Next