Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • Rss Feed
Cerca nel sito

DIRETTORE
ELENA FIORE

COMITATO DI REDAZIONE
Sergio Bedessi, Alberto Gardina, Maurizio Marchi

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

Inserito: 14/07/2017 Letto: 187 volta/e

Condividi su Linkedin

Img

Condannato per omicidio colposo l’automobilista che attraversa in modo imprudente e fa cadere il motociclista

Corte di Cassazione, Sentenza n. 32095/2017: confermata la condanna stabilita in Appello per il pedone che ha attraversato sulle strisce ma con semaforo rosso, causando la caduta e la morte di un motociclista

Appena sceso dall’autobus, nonostante la luce semaforica rossa a lui rivolta, ha provato ad avventurarsi in un pericoloso attraversamento pedonale. Nel frangente giungeva un motociclista che, tentando di evitare il pedone, finiva per cadere riportando lesioni che ne causavano il decesso.

I giudici, appurato che l'attraversamento dell’imputato è stato assolutamente improvviso ed inaspettato e, come tale, non poteva essere previsto dal motociclista che ragionevolmente faceva affidamento sul rispetto delle fondamentali prescrizioni in materia di circolazione stradale da parte degli altri utenti della strada, confermano ai danni del pedone la condanna per omicidio colposo commesso con violazione delle norme sulla circolazione stradale.

Non serve a nulla nemmeno appellarsi alla velocità tenuta dal motociclista: pur ammettendo che il motociclo della vittima procedesse ad una velocità pari o superiore ai limiti di legge, è stata l'interferenza improvvisa e totalmente indebita del pedone a determinare l'incidente.

Consulta la Sentenza 32095/2017, Corte di Cassazione

 

 

Lascia il tuo commento





Previous Next
Previous Next